Sony VAIO Tap 11, specifiche complete e prime recensioni

Subito dopo la presentazione, vengono pubblicate in rete le prime recensioni “hands-on” del nuovo Tablet PC Sony VAIO Tap 11, che si rivela un potente concorrente del Surface Pro.

Dotato di processori Intel Core i5 e Intel Core i7 di quarta generazione, il Sony VAIO Tap 11 viene completamente svelato, a pochi minuti dalla presentazione ufficiale, da numerose recensioni pubblicare dai giornalisti che hanno avuto modo di testare in anteprima il dispositivo.

Di fatto siamo davanti ad un dispositivo che si presenta con lo scopo di combattere contro il Surface Pro: dotato di schermo da 11 pollici Full HD, il nuovo Tablet PC di Sony (il primo puro per il produttore nipponico) usa un pannello IPS con tecnologia Triluminos – la stessa usata da Sony nei televisori Bravia. Il tutto è affiancato da un digitalizzatore N-Trig DuoSense di quarta generazione.

Il Sony VAIO Tap 11 si presenta come un vero ultraportatile: spesso solo 9,9 millimetri e pesante appena 780 grammi, all’interno di questo piccolo gioiello, che sarà venduto in colorazione bianca o nera, sono presenti una porta USB 3.0 a piene dimensione ed una porta microHDMI; come già succede per il Sony VAIO Duo 13 la connettività 3G/4G è integrata.

Sony VAIO Tap 11 Bianco e Nero

Non integrato, invece, l’alloggiamento per la penna – Sony ha però previsto un aggancio esterno, simile a quello fornito da Fujitsu nei suoi Tablet PC Stylistic Q702 (Fujitsu Stylistic Q702, dettagli e foto sul portapenna esterno). Sul retro del dispositivo è presente un sostegno integrato che permette di regolare a piacimento l’angolazione dello schermo.

Sony VAIO Tap 11 Penna alloggiamento

Insieme al Sony VAIO Tap 11 viene fornita anche una tastiera senza fili, ultrasottile e dotata di touchpad multitocco. Si tratta di una soluzione che diventa anche custodia, in quanto capace di agganciarsi magneticamente allo schermo per proteggerlo durante il trasporto. La tastiera è disponibile in colore bianco o nero, così come il Tablet PC.

Limitata l’autonomia della batteria, non sostituibile dall’utente: le recensioni parlano di cinque ore di lavoro.

Le specifiche complete evidenziano:

– Processore Intel Core i7-4610Y (1,7 GHz) o i5-4210Y (1,5 GHz)
– Grafica integrata Intel HD4200
Disco SSD da 128 o 256 GB
– 4 GB di memoria RAM
– Connettività senza fili 802.11a/b/g/n; Bluetooth, NFC e UMTS/LTE
– Connettività cablata USB 3.0, microHDMI; microSD, audio-out

– Batteria non sostituibile
– Peso: 780 grammi senza tastiera
– Spessore: 9,9 millimetri


 

Articolo di Tablet PC Italia
Fonte | Cnet

 

7 comments / Add your comment below

  1. Ma come 5 ore di autonomia!! Non monta i nuovi processori che dovevano garantire una durata batteria superiore del 50% ai precedenti?

  2. Nonostante l’autonomia poco soddisfacente ho notato dai video che il Tablet dovrebbe essere dotato di una presa per la ricarica da notebook “classica”. E quindi penso sia possibile utilizzare i vari battery pack aggiuntivi in commercio fino a 26000 mah che arriverebbero a raddoppiare l’autonomia al bisogno!

  3. Per spazzare via il Surface dovrebbe essere offerto a un prezzo migliore di quest’ultimo. Questo fa la differenza a livello consumer. Il surface Pro attualmente è venduto a 780 euro, se questo Vaio si offrirà con un prezzo di listino intorno a 600/700 euro potra spazzare via il Surface, ma dubito (anche se lo spero) che la Sony lo offra a un prezzo così viste le caratteristiche hardware.

  4. Schermo eccellente, ottima la fotocamera usabile come uno scanner.. ma pessimo ,confusionario ed instabile il sistema operativo win 8 ..fino al punto di sconsigliarlo il tap11 come tablet /notebook nonostante sia bello ed interessante .L’ho usato per mezza giornata (di mia figlia), ma non ho trovato modo per accedere alla rete nonostante abbia disattivato tutte protezioni del router e abbia provato in manuale (assurdo) . Ho notato brutti segni di inconsistenza per lo spinotto d’alimentazione invece di aver adottato sistemi ottimali come quello magnetico del apple; inoltre i coperchi di plastica flessibili che proteggono usb ed altro potevano farli in un modo più intelligente dato che usati 2 o 3 volte si ha paura di romperli dato che si incastrano male nelle loro sedi. Non capisco come mai la sony faccia dei bellissimi modelli come il Tav 11e poi si perda in delle cazzate assurde nei piccoli particolari

Rispondi a Mirko Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *