DELL Venue 8 Pro 5000, recensione completa

IL DIGITALIZZATORE

Quando si parla di digitalizzatore, per Dell sono quasi sempre stati dolori. La società americana aveva lanciato il suo primo Tablet PC, il Dell Latitude XT, nel 2007 – proponendo in anteprima un nuovo pannello dell’allora pressoché sconosciuta N-Trig, pannello che si era dimostrato fin da subito problematico e che ha rovinato l’esperienza di centinaia di migliaia di possessori del Dell Latitude XT, XT2 e XT3.

 

Con il Dell Latitude 10 (guarda la recensione completa) Dell aveva finalmente cambiato rotta introducendo il pannello Wacom Feel usato fin dal 2000 nella maggior parte dei dispositivi professionali – con il Dell Venue 8 Pro (e i suoi fratelli Dell Venue 11 Pro e Dell XPS 11) la compagnia americana compie un passo indietro proponendo ancora una volta un pannello mai utilizzato prima, di produzione Synaptics.

Dal punto di vista concettuale il pannello Synaptics ClearPad 7500 non è diverso dal pannello N-Trig DuoSense montato sui vecchi Latitude XT, XT2 e XT3 – o dai pannelli Atmel montati sui dispositivi Hewlett-Packard. Siamo davanti ad un unico pannello, montato sopra il pannello LCD, che contemporaneamente riesce a fornire sensibilità al tocco – mediante tecnologia capacitiva – e supporto ad una penna, sensibile a 256 livelli di pressione e alimentata da una batteria AAAA che invia un segnale radio.

Confronto tra la qualità dell’inchiostro ottenibile su un pannello Wacom (montato sul Surface Pro 2) e quella ottenuta sul Dell Venue 8 Pro. In questo test con OneNote 2013, dove viene usata la stessa penna ma di colore diverso, si evidenziano bene le problematiche di pressione irregolare, non presenti sulla macchina Wacom.

Dal punto di vista pratico, però, il digitalizzatore risulta essere problematico – come del resto problematiche sono state tutte le prime generazioni di digitalizzatori con penne alimentate a batteria.

Le problematiche sono legate unicamente all’utilizzo a penna e si manifestano in una qualità dell’inchiostro inferiore alle soluzioni N-Trig e Wacom; particolarmente significative sono le problematiche legate alla pressione, difficilmente controllabile da parte dell’utente.

I problemi sembrano derivare contemporaneamente dalla penna e dai drivers, ma al momento la causa precisa non è di fatto nota.

Dell e Synaptics stanno operando in modo intenso nel tentativo di risolvere le problematiche – immediatamente dopo al lancio gli aggiornamenti driver e hardware, con la creazione di nuove penne “REV A01” non si sono fatti attendere ma, al momento, non hanno risolto molto. Considerando quella che è stata la storia degli ultimi otto anni, dove nessun nuovo digitalizzatore è risuscito a risolvere i suoi problemi senza una profonda revisione strutturale del pannello, difficilmente gli utenti del Dell Venue 8 Pro potranno aspirare ad una qualità della scrittura paragonabile a quella offerta dai pannelli N-Trig più recenti o da quelli Wacom.

LA PENNA

Il Dell Venue 8 Pro opera con una penna, la “penna attiva Dell” (in inglese Dell Active Stylus), che non viene fornita insieme al Tablet PC ma che si può acquistare a parte per circa 35 euro IVA inclusa.

La penna ha una estetica decisamente particolare con una punta molto affusolata, che contiene la maggior parte dei circuiti e i due pulsanti laterali riuniti in un unico bottone, e un corpo metallico nero che contiene la batteria AAAA.

Come nella totalità delle penne alimentate a batteria manca la gomma posteriore, mentre è presente un piccolo clip che permette l’aggancio alla borsa o alla tasca, riducendo in questo modo la possibilità di perdere la penna, che non è alloggiabile all’interno del Tablet PC stesso.

VOTO PARZIALE: 4/10. Per la seconda volta nella sua storia Dell ha scelto di usare un nuovo digitalizzatore – e per la seconda volta ha dato ai suoi clienti una tecnologia problematica che con ogni probabilità impedirà agli utenti interessati all’inchiostro digitale di scrivere in modo confortevole.
Se non altro, il Dell Venue 8 Pro resta perfettamente usabile con le sole dita e per schizzi o annotazioni senza pretese di qualità; il risultato finale è ancora di molto superiore a quello offerto dai pennini capacitivi.

SCHERMO

Il Dell Venue 8 Pro è dotato di un piccolo schermo da 8,0 pollici – che però, considerato tutto, non è particolarmente piccolo. Lo schermo misura 172,3 per 107,7 millimetri, il che lo rende sufficientemente compatto per una mobilità estrema garantendo però un piacevole spazio di lavoro per la navigazione internet, la lettura e le applicazioni Office 2013. Di certo non siamo davanti ad un dispositivo che, con il suo solo schermo, può diventare l’unica postazione di lavoro un professionista ma nell’uso quotidiano non si ha quasi mai la percezione di una diagonale troppo ridotta.

La risoluzione 1280×800 è la stessa presente nella maggior parte dei Tablet PC professionali del periodo 2008-2012, il che garantisce un ottima usabilità con le normali applicazioni di produttività; la risoluzione non estrema su questa diagonale garantisce anche che l’interfaccia Desktop sia completamente usabile – cosa che al momento invece non succede su macchine di diagonale simile ma che usano risoluzioni Full HD o superiori.

Il pannello è IPS con angoli di visione estremi; si tratta sfortunatamente di un pannello lucido, che crea enormi problemi nell’utilizzo in esterni e interni molto illuminati, dove la retroilluminazione a 400 NITS non riesce a ridurre i riflessi.

VOTO PARZIALE: 8/10. Nel Venue 8 Pro Dell ha usato un ottimo pannello IPS, scegliendo una risoluzione che consente una ottima usabilità con ogni interfaccia – ma lo ha poi donato di una finitura lucida, riducendo di fatto l’usabilità in esterni di un Tablet PC altrimenti perfetto per l’uso ultramobile. Si tratta, purtroppo, di una problematica estremamente comune nei Tablet PC moderni.

31 comments / Add your comment below

  1. Ottima recensione, complimenti.
    Sarei veramente interessato all’acquisto per mia figlia (studente).
    Non capisco però se sarebbe possibile collegarlo a monitor+tastiera+mouse+alimentatore, mi aiutate a capire se si può fare ed eventualmente in che modo?
    Grazie mille.

    1. Forse si, ma è macchinoso. Per un uso sia desktop che tablet ti consiglio il fratello maggiore, il Dell Venue 11 Pro. Per farlo diventare desktop basta acquistare anche la apposita docking station

      1. E lo sò, ma i costi sono poi abbastanza differenti, senza contare le dimensioni del tablet, mi volevo orientare su di un 8″

    2. Come dice Danilo è un po’ macchinoso. Di fatto il Venue 8 Pro non è pensato per essere collegato a periferiche e schermi esterni, ma nel caso penso che la soluzione più semplice sia quella di usare mouse e tastiere Bluetooth e uno schermo con collegamento WiFi Miracast o WiDi, lasciando così la porta USB libera per l’alimentazione.

      1. Quindi sia tastiera che mouse bluetooth funzionano contemporaneamente? Alcuni commessi di catene di informatica me ne hanno sconsigliato l’acquisto perchè non ne garantivano la compatibilità.
        Per quanto riguarda il monitor WiDi al momento trovo solo soluzioni molto costose, quindi preferirei la “classica” soluzione via cavo.
        Vabbè, mi sà che anche a questo giro mi tocca rimandare il tutto… peccato.

        1. Sì, a livello tecnico ad un PC si potrebbero connettere contemporaneamente fino a sette dispositivi Bluetooth contemporaneamente, ma a livello pratico è quasi impossibile averne più di di quattro. Se poi ti limiti a due – mouse e tastiera – dovrebbero funzionare perfettamente anche se usati in modo intenso e quindi occupando più banda del normale (anche se poi di fatto mouse e tastiera trasmettono abbastanza poco).

  2. Ciao,
    scusa la domanda veramente da ignorante. Ma sarebbe possibile utilizzare un pennino wacom con il venue? Oppure non lo riconoscerebbe?Grazie mille
    Buona Pasqua

    1. No, la tecnologia è diversa. I Dell Venue 8 Pro usano tecnologia Synaptics con penne a batteria che inviano un segnale ad un pannello solo ricettivo posto sopra lo schermo, che funziona anche come pannello capacitivo. La tecnologia Wacom prevede invece più pannelli, quello per la penna in particolare è di fatto una griglia che crea un campo elettromagnetico capace di fornire energia a particolari penne – che quindi sono prive di batteria in quanto alimentate dal pannello montato sul Tablet PC. Le penne, caricate dal campo elettromagnetico, inviano indietro un segnale al pannello.
      Una penna Wacom non funziona sul Dell Venue 8 Pro in quanto – oltre ad operare su altre frequenze – non ha nulla che la alimenti.

  3. Per quanto riguarda la penna Dell ha inviato a casa dei clienti che hanno acquistato in passato quella difettosa, non la prima ma già la seconda, rev A001 la seconda versione, rev A002, decisamente funzionante, senza alcun costo aggiuntivo. Il problema a volte rimane il tablet: rimane indietro rispetto agli imput dati e bisogna metterlo in sleep mode per riattivarlo subito dopo 🙂

    1. Spero che il problema del tablet cui ti riferisci. Venga risolto con un aggiornamento driver. Esiste qualche video di utilizzo della rev A002?

  4. Tablet acquistato da pochi giorni. Spero di poter condividere presto le mie impressioni d’uso. Grazie per l’ottima recensione del prodotto (che mi ha dato anche la spinta finale all’acquisto!!!).

  5. è possibile creare un’immagine del disco con win 8.1 da avere nel caso ci siano problemi con il futuro aggiornamento a windows 10?

    1. Non ci dovrebbero essere problemi; sarà comunque possibile installare da zero Windows 8.1 utilizzando le immagini ISO fornite dalla stessa Microsoft e i driver forniti da Dell attraverso il sito di supporto.

  6. Ho un DELL VENUE 8 pro e da poco ho acquistato un mini proiettore DELL M115HD. I due sarebbero collegabili tramite Dongle wi-fi della stessa DELL ma il mio dubbio è se possa collegare il tablet al proiettore tramite cavo micro USB-HDMI MHL, dato che l’unica porta del tablet è proprio la micro USB. Mi chiedevo cioè se questa porta servisse solo per l’alimentazione del dispositivo o se, con il cavo apposito, potesse trasmettere anche il segnale video.
    Grazie per l’aiuto.

    1. La porta microUSB del Dell Venue 8 Pro è una normalissima porta USB 2.0 – una volta che si aggancia un adattatore, si può agganciarci qualsiasi periferica o chiavetta

      1. …difatti ho giá sperimentato quello che dici perchè ho un adattatore OTG che collegato alla micro USB mi consente di leggere da usb pen. Quello che mi chiedo è se dalla micro USB, con apposito adattatore MHL da micro USB a HDMI, si possa trasmettere anche il segnale video. Cioè se collegato al videoproiettore con tale adattatore il tutto funzioni.

        1. Una volta che usi un adattatore, non c’è alcuna differenza tra la microUSB del Venue 8 Pro ed una normalissima USB 2.0 di un qualsiasi PC; se l’adattatore non richiede USB 3.0, non c’è motivo per cui non debba funzionare.

  7. ciao ti posso chiedere se anche a te scalda parecchio dopo un po’ di tempo passato a navigare? Ho aggiornato il bios alla versione 10 (avevo letto che mesi fa erano stati risolti i problemi di surriscaldamento), ma scalda sempre parecchio. Inoltre noto tempi un po’ lunghi a caricare le pagine web…in confronto il Note 3 che possiedo le carica quasi istantaneamente. Niente da dire invece sulla fluidità generale che è davvero ottima!

    1. Ciao, sì, anche a me scalda molto il dispositivo, soprattutto nella parte posteriore. In più dall’aggiornamento del BIOS nessun sistema di puntamento e tocco (stylus pen inclusa) viene più riconosciuto!!!. I tempi di carica delle pagine web penso dipendano dalla qualità della connessione. Comunque, al di la di tutto, l’assistenza DELL non è poi di così gran livello come si possa pensare: tempi lunghi di attesa ma soprattutto scarsa comunicazione sulla natura delle riparazioni!.

      1. sta storia della stylus non più riconosciuta non mi piace affatto…che versione del bios hai? Avevo letto che dalla versione 5 i problemi di surriscaldamento erano risolti..ora siamo addirittura alla versione 10! Quindi globalmente ti ritieni soddisfatto? Io pensavo meglio, ma forse devo ancora abituarmi..l’ho preso solo ieri..vengo da un Nexus 7 3G e questo è avanti come fluidità e qualità generale, ma non mi convince sta storia del calore eccessivo e la lentezza a caricare i siti web

        1. …se vuoi la più sincera verità ti posso dire che non sono pienamente soddisfatto del dispositivo. Il tablet in sè è buono (fluidità generale, costruzione ecc.) ma il digitalizzatore è stata una pessima sorpresa: continui problemi ed ora addirittura non più funzionante. Il Modulo 3G poi mi ha dato problemi fin dall’inizio a causa del costante conflitto col modulo wireless del tablet. Non so che dire!!!

          1. per quanto riguarda il 3g ancora non l’ho provato e la penna dovrei provarne una prima di comprarla…

  8. ho provato il 3G e non ho problemi mentre per la penna non saprei non avendola..dopo qualche giorno di utilizzo non mi convince solo l’eccessivo calore posteriormente. Posso capire usando programmi, ma navigando sul web non dovrebbe scaldare così tanto..boh! Per la velocità di caricamento delle pagine web non sono sicuro sia solo colpa della linea telefonica perchè a parità di siti aperti il Note 3 è fulmineo..comunque non è un problema (mi sono abbonato alla fibra ottica e quindi credo migliorerà quando avrò il nuovo modem). Ah il Miracast non è molto affidabile per ora perchè si collega 1 volta su 3..((da smartphone windows phone e android invece nessun problema (???)) Spero che con windows 10 migliori tutto ulteriormente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.