Wacom, cento milioni di digitalizzatori su Tablet PC e Tablet Computer

La giapponese Wacom Corporation annuncia di aver raggiunto i cento milioni di digitalizzatori venduti ai produttori di PC, Tablet PC e Tablet Computer. Di questi cento milioni, ben novanta sono stati prodotti negli ultimi tre anni.

Wacom è da sempre il principale fornitore di pannelli digitalizzatori per i produttori che propongono ai loro utenti Tablet PC con penna. L’azienda giapponese, celebre alle masse per le sue tavolette grafiche esterne, produce pannelli per gli OEM fin dal lontano 1991 – anno in cui molti produttori hanno iniziato a creare in modo strutturato Tablet PC grazie alle nuove applicazioni che fornivano supporto alla penna a MS-DOS e Windows 3.1 (PenRight per MS-DOS di GO Corporation; Windows for Pen Computing 1.0 di Microsoft; vedi la storia del Tablet Computing).

Dopo oltre vent’anni Wacom ha annunciato di aver prodotto, in totale, oltre cento milioni di digitalizzatori destinati a PC, Tablet PC e Tablet Computer. Di questi cento milioni, il novanta percento sono stati prodotti negli ultimi tre anni: nel 2002, anno di lancio di Windows XP Tablet PC Edition e dei Tablet PC come li conosciamo oggi, la società nipponica produceva 100.000 pannelli all’anno, che si sono trasformati in un milione all’anno nel 2006; è stato però l’avvento dei Samsung Galaxy Note (Samsung è diventata azionista di Wacom nell’anno passato, garantendosi ricerca e sviluppo dedicati) e dei Surface Pro a far esplodere gli ordini e quindi la produzione  che nel 2013 ha raggiunto la cifra record di 43,5 milioni di pannelli.

Negli anni l’offerta Wacom per gli OEM si è molto mutata, proponendo soluzioni “penna e tocco” (tecnologia Wacom Feel) in affiancamento alle normali tecnologie legate alla sola penna (tecnologia Wacom Penabled). Nel prossimo futuro arriveranno però cambiamenti ancora maggiori con le attuali tecnologie EMR (Electro-Magnetic Resonance) che verranno affiancate da due nuove tipologie di tecnologie elettrostatiche, denominate “Active ES” e “Passive ES”, che consentiranno una maggior penetrazione della casa nipponica all’interno dei dispositivi più compatti. I nuovi pannelli elettrostatici saranno consegnati agli OEM entro la fine del corrente anno fiscale.

Articolo di Tablet PC Italia
Fonte | Wacom

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.